newsletter amici del festival
animatori hotel a Genova
area clienti galleria fotografica
cerca nel programma
cerca
ricerca avanzata
Aree tematiche
Il festival giorno per giorno
Tipologia di evento

il Festival in Liguria

>Partnership internazionali

>il Festival a emissioni zero

>informazioni utili
>biglietteria on line
>biglietterie ed infopoint
>galleria fotografica
>spettacoli fuori abbonamento
>il Festival accessibile
>ristoranti amici del Festival
>la libreria del Festival

>mappa


cerca nel programma
cerca
>ricerca avanzata
Conversazione

Il fattore XX: l'incognita della medicina di genere
Le vulnerabilità di uomo e donna
Adriana Albini, Jole Baldaro Verde, Francesco Donatelli, Lorenzo Licalzi. Modera: Francesca Merzagora

Essere uomo o donna comporta una notevole differenza nelle scienze mediche. Non solo perché la prevalenza di molte patologie è differente nei due generi, ma anche perché le cause, i fattori predisponenti, le manifestazioni cliniche e l'approccio terapeutico variano spesso sensibilmente in relazione al sesso maschile o femminile. Molte patologie ad alto impatto come disturbi cardiovascolari e tumori, ma anche la depressione, le malattie autoimmuni e l'osteoporosi hanno incidenze, sintomi e percorsi terapeutici diversi. Uomini e donne sono infatti distinti da un intero cromosoma, una doppia X anziché una X e una Y, e di fronte a salute e malattia sono differentemente suscettibili. La comprensione di questa incognita, il fattore XX, porta alla conquista di una medicina "personalizzata", che comprende e affronta la complessa interazione tra i fattori genetici che ci programmano in senso maschile o femminile e i fattori ambientali di natura bio-psico-sociale e sessuale che ci distinguono. Nel loro insieme tali fattori costituiscono ancora un mistero. Lo studio della vulnerabilità del genere maschile o femminile a sviluppare o meno una determinata patologia, sia fisica che psicologica, è un po' come un giallo da risolvere per migliorare i percorsi preventivi e assistenziali nei due sessi. L'incontro esamina il problema a partire dalla cardiologia e l'oncologia, fino alla sessuologia e alla psicologia.

Adriana Albini
È responsabile della ricerca oncologica al Polo Scientifico e Tecnologico IRCCS MultiMedica di Milano. È stata da giugno 2004 fino a ottobre 2006 vice direttore per la ricerca dell’IST (Istituto Nazionale per la Ricerca sul Cancro) e responsabile del Dipartimento di Oncologia Traslazionale. Ha pubblicato oltre 260 articoli di ricerca sperimentale sulle più qualificate riviste scientifiche americane ed europee. È relatore in numerosi convegni e meeting di ricerca e clinica. Si occupa di angiogenesi, ovvero di come “soffocare i tumori”. Ha sviluppato nuove terapie biologiche e geniche ed è titolare di brevetti per nuovi approcci terapeutici. Studia gli aspetti molecolari di componenti della dieta per l’attuazione di un programma di prevenzione delle neoplasie. È membro del comitato editoriale di vari periodici scientifici internazionali. Si occupa di comunicazione scientifica ed è iscritta all'ordine dei giornalisti. Ha pubblicato racconti poesie e romanzi, tra cui Un clone in valigia (Fratelli Frilli Editori, 2004) e Come il vento sul grano, una storia d’amore e OGM” (Fratelli Frilli Editori, 2006), scritto con Gian Paolo Tonini.

Jole Baldaro Verde
Medico, specializzata in pediatria e psicologia dell'età evolutiva. Docente di Psicologia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia Università di Genova. Membro del Comitato dei Saggi dell'I.I.S.U. Ha insegnato Teorie della Personalità all'Università di Genova. Attualmente presiede il Centro Interdisciplinare per la Ricerca in Sessuologia di Genova.

Francesco Donatelli
Professore Ordinario di Cardiochirurgia dell'Università degli Studi di Milano. Direttore del Dottorato di Ricerca in Scienze Chirurgiche e dei Trapianti dell'Università degli Studi di Milano. Direttore della Divisione di Cardiochirurgia dell'IRCCS MultiMedica di Milano. Ha eseguito personalmente oltre 1500 interventi chirurgici per patologie cardiache congenite ed acquisite con particolare riferimento alla chirurgia dell'insufficienza cardiaca terminale.

Lorenzo Licalzi
Nato a Genova, esercita la professione di psicologo. Ha fondato e diretto una casa di riposo. Poi, da alcuni anni, ha deciso di dedicarsi solo alla sua attività di psicologo e alla scrittura. I suoi tre romanzi precedenti ("Io no", 2001; "Non so", 2003; "Il privilegio di essere un guru", 2004), gli hanno conquistato un folto pubblico di affezionati lettori. "Io no" è diventato un film diretto da Simona Izzo e Ricky Tognazzi. I diritti di "Il privilegio di essere un guru" sono stati acquistati dalla Medusa.'


Francesca Merzagora
Fondatrice e Presidente di O.N.Da, Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna, costituito a Milano nel novembre 2005. Dal marzo 2003 è Presidente del Comitato Promotore della Fondazione Umberto Veronesi per il progresso della scienza. Vincitrice del Premio Bellisario 2005 " Donna e salute" - Sezione Manager. Dal 2000 al 2005: Coordinatrice del gruppo di lavoro "Europa Donna Parlamento" formato dalle donne Parlamentari di tutti gli schieramenti e da una rappresentanza di Europa Donna per un coinvolgimento attivo delle Istituzioni nella lotta al tumore del seno. Dal dicembre '97: Fondatrice e vicePresidente del Consiglio di "..Sottovoce..", Dal settembre '97: Membro del Comitato Etico dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano e Membro del Comitato di Presidenza. Dal '96 al 2005: Fondatrice e Presidente del Comitato Nazionale di Europa Donna, movimento di opinione a sostegno delle donne operate al seno attivo in 37 Paesi pan europei e che in Italia riunisce 250.000 donne.'


> indietro  > scarica
Area tematica
Le diversità della vita

Da 15 anni

il 29 ottobre, alle 17:00

Biblioteca Berio - Sala dei Chierici
Via del Seminario, 16

Ingresso: Biglietti Festival

Prenotazione: consigliata

>> english version   > area riservata   > contatti   > accessibilità   > credits